Il Medioevo

Quello che ci accingiamo a intraprendere è un cammino tra villaggi e castelli del periodo medioevale, l’ètà storica che va dal 476, caduta dell’ Impero Romano d'occidente, al 1492 con la scoperta dell'America da parte di Cristoforo Colombo. Il nome Medioevo significa età di mezzo, tra la storia antica e la storia moderna. Iniziamo il nostro viaggio da Laconi, comune attraversato dalla Strada Statale 128, sulla piazza Marconi troviamo il Palazzo Aymerich, feudatari del paese fino al XIX secolo, presso il quale è presente il Museo delle Statue Menhir; alle spalle del castello troviamo il più grande parco urbano della Sardegna, da considerare un vero e proprio museo naturale. La seconda tappa è Villa Sant’Antonio dove, in un territorio ricco di sorgenti e di importanti resti archeologici, è presente la tomba romana o medievale di Maccettu o Trunch’e Pani. Ci spostiamo a Nureci, nel borgo di Genadas, le cui rovine sono ancora visibili nei pressi della chiesetta campestre dedicata alla Madonna d'Itria. Continuiamo il nostro percorso verso Ales: il centro si trova sulla Strada Statale 442. Percorriamo la strada vicinale di Attonigu, per giungere a Barumeli, villaggio scomparso nel basso medioevo, in cui sono presenti i ruderi dell’omonimo castello che si erge su una collina che domina il paesaggio. Passando dalla Strada Provinciale 46 alla Strada Statale 197 si giunge a Furtei. A poca distanza dal centro abitato vi era il villaggio di Nuraxi ancora esistente nel XVII secolo, la cui chiesa era dedicata a San Biagio. A pochi minuti di auto si giunge nel territorio di Segariu, dove si trovano le tracce del maniero giudicale del castello di “Sa Moba e su Casteddu”. La tappa conclusiva ci porta nel territorio di Las Plassas dove è sito il castello di Marmilla, delimitato da una vasta cinta di mura, uno dei più caratteristici e affascinanti in Sardegna, posizionato sulla sommità di un colle perfettamente conico.




File Itinerario per app e navigatore

File POI per app e navigatore


Principali punti di interesse

Castello Aymerich

Il castello è ubicato all’interno del parco omonimo. Residenza della famiglia degli Aymerich, marchesi di Laconi, dal XVII secolo è costituito da un'ampia sala a pianta rettangolare, con finestre ad arco inflesso, di tipo gotico-catalano.

39.854270 N, 9.054750 E
Castello Aymerich

Il castello è ubicato all’interno del parco omonimo. Residenza della famiglia degli Aymerich, marchesi di Laconi, dal XVII secolo è costituito da un'ampia sala a pianta rettangolare, con finestre ad arco inflesso, di tipo gotico-catalano.

39.854270 N, 9.054750 E
Insediamento medievale Genadas

Villaggio le cui rovine sono ancora visibili, venne abbandonato nel XV sec. a causa delle continue scorribande dei barbaricini che transitavano nell’adiacente “Bia de is camminantis”, strada di collegamento tra la Barbagia e il Campidano.

39.808491 N, 8.969788 E
Castello di Marmilla

Posto sull’unico rilievo della zona, si presume sia stato edificato entro la metà del XII secolo con cantoni di arenaria tagliati con estrema precisione, all’interno vi sono i resti di una cisterna e di due torri in prossimità dell’entrata.

39.682068 N, 8.979871 E
Castello di Marmilla

Posto sull’unico rilievo della zona, si presume sia stato edificato entro la metà del XII secolo con cantoni di arenaria tagliati con estrema precisione, all’interno vi sono i resti di una cisterna e di due torri in prossimità dell’entrata.

39.682068 N, 8.979871 E
Castello di Marmilla

Posto sull’unico rilievo della zona, si presume sia stato edificato entro la metà del XII secolo con cantoni di arenaria tagliati con estrema precisione, all’interno vi sono i resti di una cisterna e di due torri in prossimità dell’entrata.

39.682068 N, 8.979871 E
Castello di “Sa Moba e su Casteddu”

Nel territorio di Segariu, non distante dal centro abitato, posto in cima ad un colle, troviamo le tracce dell’antico maniero giudicale di forma troncoconica risalente all’alto medioevo.

39.546439 N, 8.978391 E
Castello di “Sa Moba e su Casteddu”

Nel territorio di Segariu, non distante dal centro abitato, posto in cima ad un colle, troviamo le tracce dell’antico maniero giudicale di forma troncoconica risalente all’alto medioevo.

39.546439 N, 8.978391 E
Castello di “Sa Moba e su Casteddu”

Nel territorio di Segariu, non distante dal centro abitato, posto in cima ad un colle, troviamo le tracce dell’antico maniero giudicale di forma troncoconica risalente all’alto medioevo.

39.546439 N, 8.978391 E
Villaggio medievale Nuraxi

A poca distanza dal centro abitato, fu abbandonato nel ‘500 quando gli abitanti si trasferirono a Furtei. Recenti scavi nei pressi dell’ex parrocchiale di san Biagio del XIII secolo, hanno riportato alla luce reperti punici, romani ed anche etruschi.

39.546238 N, 8.944868 E
Castello giudicale di Barumeli

Nasce sotto Giustiniano o al più tardi nel VI sec. d.C. Ha una planimetria singolare, con parti costruite in tempi differenti, cinta muraria subcircolare di età bizantina, la torre decagonale di età giudicale, i bastioni di fortificazione aragonesi.

39.755508 N, 8.813012 E
Tomba romana o medievale di Maccettu o Trunch’e Pani

Si trova nel territorio di Villa Sant’Antonio, in una zona ricca di sorgenti.

39.849011 N, 8.915590 E