Chiese Campestri

Percorrendo la Strada Provinciale 35, nel cuore della regione storica della Marmilla, si arriva a Usellus dove è possibile visitare la chiesa campestre di Santa Reparata. L’edificio è situato all’interno di un’area archeologica romana in cui si conservano, intorno al sagrato, le cumbessias, tipiche costruzioni in cui i fedeli possono soggiornare durante la novena per la festa della Santa che si festeggia l’8 ottobre.
Percorrendo la Strada Statale 442, svoltare a destra per l’arteria che conduce a Samugheo. Dopo circa 100 m da Assolo, troviamo sulla sinistra la chiesa di Santa Lucia edificata nel XIII secolo. Fu costruita con materiali recuperati da un tempio romano situato nella zona.
Proseguendo per la statale si giunge a Nureci dove si può visitare la chiesa della Madonna d’Itria che viene festeggiata, ogni anno, il martedì successivo alla Pentecoste. Costeggiando la giara di Gesturi, si arriva poi alle chiese di San Giovanni a Gesturi e di San Nicola a Barumini, mentre a Tuili merita una visita la chiesa di Santa Tecla. Il sito in cui si trova è conosciuto come "sa terra de sa santa". Il nostro percorso si conclude con la visita a San Giorgio di Sini: la chieda è ubicata in un’area precristiana su una collina a 100 m dall'abitato e domina un meraviglioso panorama che abbraccia le alture della Trexenta, il monte Arci e i monti dell'Arburese.




File Itinerario per app e navigatore

File POI per app e navigatore


Principali punti di interesse

Chiesa Campestre di San Giorgio (Sini)

La chiesa è composta da 4 cappelle con due altari più quello maggiore. L’edificio presenta consistenti contrafforti laterali, anch’essi in laterizio e pietra, ed un grande portale architravato. Il campanile è a vela con archetti ogivali in laterizio.

39.756389 N, 8.905556 E
Chiesa Campestre di Santa Tecla (Tuili)

La festa in onore di questa Santa si svolgeva il 22 e 23 settembre.Di questo piccolo edificio, sito in "sa terra de sa santa" non resta che un semplice rudere, la chiesa risultava distrutta già agli inizi del XIX sec. e le sue pietre vennero utilizzate per realizzare costruzioni private.

39.718056 N, 8.970833 E
Chiesa Campestre di San Nicola (Barumini)

La chiesa di San Nicola, sorta verso la fine del XII è in stile arcaico-pisano a navata singola, posta su una collina alla periferia del paese.
Di questo piccolo edificio non resta che un semplice rudere, in fase di restaurazione.

39.700556 N, 9.000278 E
Chiesa Campestre di San Giovanni (Gesturi)

Ridotta a rudere, era attiva sino all'Ottocento e non se ne conosce il periodo di costruzione. Ciò che rimane dell'edificio è visibile oltre i capannoni della zona industriale, si tratta solo dei muri perimetrali e di un arco a tutto sesto.

39.718333 N, 9.031944 E
Chiesa Campestre della Santa Itria (Nureci)

Edificio di modeste dimensioni, a navata unica, con tetto a falde sorretto da una struttura in legno e copertura in coppi laterizi. La facciata, a differenza dei prospetti laterali intonacati, è in conci a vista di diverso colore e pezzatura.

39.808333 N, 8.966944 E
Chiesa Campestre di Santa Lucia (Assolo)

Edificio a pianta rettangolare risalente al XIV secolo, con una navata centrale e due laterali, con funzione di deambulatorio. La sala è scandita da quattro campate trasversali rispetto al lato lungo del sedime, di cui l'ultima corrisponde al presbiterio.

39.821389 N, 8.916389 E
Chiesa Campestre di Santa Lucia (Assolo)

Edificio a pianta rettangolare risalente al XIV secolo, con una navata centrale e due laterali, con funzione di deambulatorio. La sala è scandita da quattro campate trasversali rispetto al lato lungo del sedime, di cui l'ultima corrisponde al presbiterio.

39.821389 N, 8.916389 E
Chiesa Campestre di Santa Reparata (Usellus)

Edificio a tre navate, con una facciata a terminale piano, sormontato da un campanile a vela centrale e quattro merli. Accanto alla chiesa, si conservano le cumbessias, costruzioni dove i fedeli possono soggiornare durante la novena e per la festa.

39.806389 N, 8.849167 E
Chiesa Campestre di Santa Reparata (Usellus)

Edificio a tre navate, con una facciata a terminale piano, sormontato da un campanile a vela centrale e quattro merli. Accanto alla chiesa, si conservano le cumbessias, costruzioni dove i fedeli possono soggiornare durante la novena e per la festa.

39.806389 N, 8.849167 E